• it
Home » I 10 migliori libri su ciclismo e bicicletta

I 10 migliori libri su ciclismo e bicicletta

Noi ciclisti salveremo il mondo
Peter Walker
Sperling & Kupfer, 2017

Come ad esempio la sostenibilità ambientale, tema caro all’autore: si parte dal presupposto che pedalare non inquina, non fa rumore, non crea ingorghi, non fa male agli altri e fa benissimo a se stessi. Peter Walker riflette sulla problematica situazione del traffico nelle città, non solo per l’inquinamento, i costi ambientali, le malattie legate alla sedentarietà, ma anche per il numero impressionante di morti e feriti causati degli incidenti. Le storie e i riferimenti culturali sono quelli del nord Europa e delle città più ciclabili del mondo come Copenaghen e Oslo.

Elogio della bicicletta
Ivan Illich

Una apologia della bicicletta: della sua bellezza e saggezza, della sua alternativa energetica alla crescente carenza di energia e al soffocante inquinamento. Illich nota che la bicicletta e il veicolo a motore sono stati inventati dalla stessa generazione. Ma sono i simboli di due opposti modi di usare il progresso moderno.

Pedala! Il romanzo di chi ha voluto la bicicletta
Davide De Za

Alla passione non si comanda. Parola di Davide De Zan, giornalista e fra le più conosciute voci del ciclismo televisivo.
In questo libro Davide apre la porta della sua memoria e della sua esperienza e competenza per raccontare storie note e meno note, curiosità e segreti del ciclismo italiano. Si parla soprattutto di grandi campioni di ogni tempo, da Coppi e Bartali a Gimondi, a Moser, a MarcoPantani, di cui De Zan fu molto amico.
Ma si narra anche di sconosciuti che hanno compiuto imprese ai limiti del possibile mossi solo dalla grande passione per la bicicletta.

Vita e viaggi in bicicletta Luigi Bairo

In questo volume, Bairo spiega ai cicloturisti come organizzare da soli un viaggio in bici, originale e sicuro, abbandonando i classici percorsi solitamente battuti dalla massa dei visitatori in bici. All’interno del libro infatti sono contenuti consigli utili e pratici su tutto quello che c’è da sapere per chi vuole girare il mondo con questo sano ed economico mezzo.

I dannati del pedale. Da Coppi a Pantani i ciclisti più inquieti, romantici e faustiani
Paolo Viberti

Il ciclismo ha avuto storie epiche, sfide infinite, eroi e antieroi e tanta fatica. Il libro di Paolo Viberti, giornalista sportivo di grande esperienza, racconta tutta l’umanità del ciclismo, tratteggiando ritratti dei grandi personaggi della storia delle corse.
Viberti cerca di tirare fuori l’aspetto umano ed emozionale di queste figure, fra Bartali, Coppi, Anquetil, Fignon, Gaul, Bobet, Simpson, fino a Pantani, che secondo l’autore non si è mai ucciso.

Il bello della bicicletta Marc Augé

Che cos’è la bicicletta? Quello che viene definito banalmente un mezzo di trasporto ha in realtà un valore sociologico ben profondo e sempre più nitido. L’autore analizza in modo lucido la nuova epica dei ciclisti, dove la bici tende ad annullare le differenze sociali, facendosi fautrice di uguaglianza, democrazia e sostenibilità, grazie a ritmi di vita a misura d’uomo. Tutto questo consente la trasformazione degli spazi urbani in luoghi inediti, vivibili e pieni di speranza.

Il ciclismo nel delitto Cesare Lombroso

Ripubblicato nel 2013, il criminologo Cesare Lombroso sostiene che la bicicletta avrebbe aumentato le cifre e le cause della criminalità perché «agevola le fughe e gli alibi di coloro che violano la legge». Lombroso scrive anche che la bellezza e la comodità di quel nuovo mezzo meccanico sarebbero stati «motivo frequentissimo di furto e appropriazione indebita per la vanità di farsi presto una strada nel mondo».

Pedalare John Foot

Pubblicato per il centenario del Giro d’Italia, ripercorre la storia del Giro dalla prima edizione del 1909. L’autore è uno storico inglese che si è occupato a lungo anche di calcio. Nel libro analizza l’età d’oro del ciclismo, i suoi eredi come Merckx, Gimondi e Moser, fino ad arrivare ai corridori “postmoderni” di oggi.

Tutti primi sul traguardo del mio cuore Fabio Genovesi

Nel 2013 lo scrittore Fabio Genovesi fu inviato dal Corriere della Sera al Giro d’Italia. Oltre agli articoli sul Corriere ne venne fuori anche un diario parallelo fatto di digressioni e incontri: Genovesi mostra un punto di vista insolito sull’Italia e un’antipatia per le “stramaledette eccellenze”, ovvero la rappresentazione di una nazione specializzata nel mangiare e bere. Dopo una tappa particolarmente faticosa per i corridori era impossibile fare una classifica assoluta e Gatti scrisse Tutti primi al traguardo del mio cuore.

Bike snob. Manifesto per un nuovo ordine universale della bicicletta Eben Weiss

Scritto qualche anno fa, questo libro è diventato il simbolo di una intera generazione di cittadini che si sono convertiti alla bicicletta e alla mobilità sostenibile in città. Nel testo, il celebre blogger americano BikeSnobNYC riassume il suo credo di amante delle due ruote e propone un manuale semplice, comprensibile, ma allo stesso tempo esaustivo, su tutto ciò che occorre sapere per diventare degli autentici ciclisti. Dalla storia della bici alle regole da conoscere per sopravvivere nelle grandi città, dalla classificazione e identikit dei ciclisti-tipo ai consigli per una manutenzione di base.

× Whatsapp